Ordinanze

ordinanza sindacale di determinazione degli orari di attività degli esercizi di commercio su aree private e della stampa quotidiana e periodica
COMUNE DI VADO LIGURE (PROVINCIA DI SAVONA) CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 18 OGGETTO: Disciplina della circolazione stradale nel parcheggio compreso fra via S.Ermete e via Pertinace. IL COMANDANTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE CONSIDERATA la necessita’, a tutela della pubblica incolumita’ e del pubblico interesse di disciplinare la circolazione stradale nel parcheggio di nuova costruzione realizzato in adiacenza al n° civ 10 di via S.Ermete ; RITENUTO necessario riservare l’accesso e la sosta nel parcheggio in oggetto ai soli veicoli leggeri , ovvero autovetture e motocicli, stante le caratteristiche del parcheggio medesimo correlate alla sua conformazione e ai limitati spazi di manovra interni nonche’ ai tratti di strada dalle quale si puo’ accedere al parcheggio medesimo anche esse di ristretta larghezza e di andamento curvilineo RITENUTO necessario per gli scopi di cui sopra regolamentare la viabilità onde rendere palese ed effettiva tale limitazione VISTI gli artt. 5,6e7 del D.Leg.vo 30 Aprile n.285, recante il testo del “Nuovo Codice della Strada”; VISTA la propria competenza a regolamentare la materia della viabilita’ urbana ai sensi dell’art. 107 del T.U.E.L., ribadita dalle sentenze del T.A.R. Veneto sez. I 19/9/2002 e T.A.R. Campania Sez. I 12/07/2004 N.10085; VISTO l’atto N.7 del 04/02/2005 di nomina del responsabile del settore P.M. e relativa posizione organizzativa; SENTITO il parere dei competenti Uffici Comunali; ORDINA La regolamentazione del traffico nel parcheggio oggetto della presente ordinanza nel seguente modo:la circolazione e la sosta nel parcheggio e’ riservata alle autovetture e ai motocicli, ciascun tipo di veicolo negli stalli di sosta diversamente individuati cn divieto di occupazione dgli stalli approntati per l’altra categoria di veicolo;nel varco congiungente il parcheggio con la via Pertinace e’ consentito unicamente l’ingresso dei veicoli dalla via Pertinace verso il parcheggio, con divieto di uscita che verra’ segnalato con apposizione di cartello segnaletico indicante senso vietato;dal varco congiungente il parcheggio con via S.Ermete sono consentiti sia l’ingresso che l’uscita, costituendo quest’ultima l’unico varco di uscita permessa dal parcheggio. L’ingresso verra’ effettuato sul lato destro del varco e l’uscita sul lato sinistro;la circolazione nell’area interna del parcheggio avverra’ con senso unico rotatorio che verra’ indicato tramite tracciamento sulla carreggiata delle opportune frecce direzionali. All’interno dell’area di parcheggio verra realizzato uno stallo di sosta riservato agli invalidi correttamente segnalato con segnaletica orizzontale e verticale. Su entrambi i varchi di accesso, a garanzia del rispetto della limitazione d’uso ai veicoli leggeri, verranno installati due archi ad U in tubatura metallica dipinti a strisce bianco-rosse rifrangenti, la cui traversa superiore correra’ a altezza di metri due dalla carreggiata. Su tale traversa verra’ installato un cartello indicante transito vietato ai veicoli altezza superiore a metri due. L’installazione della segnaletica tutta indicata e il tracciamento della segnaletica orizzontale delimitante gli stalli di sosta e le frecce di direzione obbligatoria sara’ a cura dell’azienda appaltatrice per la realizzazione del parcheggio. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservare la presente ordinanza. Dalla Residenza Municipale, lì 07/04/2005 Il Comandante della Polizia MunicipaleCommissario Superiore Bono Fulvio
COMUNE DI VADO LIGURE Provincia di Savona COMANDO POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 27 OGGETTO: Disciplina della circolazione stradale sulla strada di scorrimento IL COMANDANTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE CONSIDERATA la necessita’, a tutela della pubblica incolumita’ e del pubblico interesse, di disciplinare la circolazione stradale nella strada di scorrimento per la parte di proprietà di questo Comune, interamente a suo tempo inserita nel centro abitato di Vado Ligure con deliberazione di Giunta Comunale n.328 del 21/5/93 , al fine di regolamentare la velocità massima ammissibile differenziandola, tratto per tratto, a seconda delle caratteristiche e dei pericoli; PRESO ATTO che il comma 1 dell’art. 142 del Codice della Strada prevede la possibilità di innalzare, all’interno dei centri abitati, la velocità massima fino al limite di 70 Km/h laddove le caratteristiche della strada lo consentano; CONSIDERATO che la strada di scorrimento, pur essendo inserita nel centro abitato, presenta caratteristiche particolari a tutela della sicurezza del traffico, essendo interamente a doppia corsia per direttrice di marcia separate da guard rail centrale, prive di traffico pedonale e normalmente scarsamente interessata da transito di velocipedi; RITENUTO opportuno provvedere ad una rivisitazione delle velocità massime ammissibili a seguito sia di rinnovamento della segnaletica orizzontale e delle strutture stradali a protezione dello sbandamento dei veicoli (guard rail) recentemente attuato che dello studio effettuato da questo Comando sul seguente binomio: spazio di avvistamento fra due veicoli conflittuali - spazio di frenata rapportato al coefficiente di attrito più sfavorevole ( strada bagnata) al fine di stabilire la velocità massima prudenziale che possa essere imposta per i singoli tratti di strada ove esistono possibili cause di pericolo dovute ad intersezioni od immissioni laterali di veicoli; RITENUTO altresì necessario regolamentare la viabilità imponendo divieti e limitazioni che, tenuto conto dell’andamento della strada nelle singole tratte, impongano comportamento consoni alle condizioni della strada ed ai pericoli potenziali in atto; RICHIAMATA l’opportunità di fissare limiti di velocità che non siano eccessivamente restrittivi e siano giustificabili e condivisibili dall’utenza al fine di rafforzarne la credibilità e la relativa osservanza ; VISTI gli artt. 5,6e7 del D.Leg.vo 30 Aprile n.285, recante il testo del “Nuovo Codice della Strada”; VISTA la propria competenza a regolamentare la materia della viabilita’ urbana ai sensi dell’art. 107 del T.U.E.L. e dello Statuto Comunale, ribadita dalle sentenze del T.A.R. Veneto sez. I 19/9/2002 e T.A.R. Campania Sez. I 12/07/2004 N.10085; VISTO l’atto n.7 del 04/02/2005 di nomina del responsabile del settore P.M. e relativa posizione organizzativa emesso dal Sindaco di Vado Ligure, che lo rende competente all’emissione della presente ordinanza; SENTITO il parere dei competenti Uffici Comunali laddove necessario; ORDINA L’istituzione della seguente segnaletica stradale: nella strada di scorrimento per la parte di competenza del Comune di Vado Ligure in quanto proprietario, direttrice di marcia da Savona verso Vado, verranno adottati i seguenti provvedimenti a tutela della sicurezza del traffico: dalla progressiva chilometrica pari a Km 1,570 provenendo da Savona, corrispondente all’inizio del territorio comunale di Vado Ligure, la strada presenta un restringimento di corsia con divieto di sorpasso ed obbligo di rientro sulla sinistra per tutti i veicoli a seguito della creazione della corsia specializzata di svolta a destra per l’uscita dei veicoli sulla via Sardegna posta alla chilometrica 1,870, in tratto di strada accentuatamente curvilineo verso destra. E’ prevista anche l’uscita dei veicoli dalla via Sardegna sulla strada di scorrimento con corsia di immissione appositamente creata con segnaletica orizzontale ed isola spartitraffico sul lato destro della strada di scorrimento. La distanza di avvistamento fra i veicoli transitanti sulla strada di scorrimento provenienti dalla curva destrorsa ed i veicoli in uscita dalla via Sardegna risulta pari a metri 75. In base a tale distanza si può calcolare il prudenziale limite massimo di velocità secondo il seguente sistema: si calcola un tempo di reazione fra l’avvistamento del pericolo e l’inizio di frenata pari a 0,5 secondi, durante i quali il veicolo percorre una distanza di metri 6,9 alla velocità di 50 km/h., portando la distanza residua a metri 68. Si ipotizza la casistica più sfavorevole di strada bagnata per pioggia per il calcolo degli spazi di frenata. Per le autovetture e motocicli, la distanza residua di metri 68 calcolata in base alle tabelle tecniche in materia è pari ad una velocità di 70-75 km/h. Tale calcolo, approssimato lievemente in difetto per garantire comunque spazi di frenata sufficienti in ogni caso, può ragionevolmente indicare una velocità massima ammissibile di 60 km/h per coprire la quale servono metri 47. Pertanto in tale tratto di strada si impone il limite massimo di velocità di 60 km/h per tutti i veicoli. Dalla progressiva chilometrica pari al km. 1,900 all’inizio della rotatoria di Bossarino posta al km 2,820, la strada presenta andamento prevalentemente rettilineo e comunque con curve dolci che consentono ampie visibilità ai veicoli transitanti sulla strada di scorrimento nonché in fase di attraversamento dell’intersezione antistante all’accesso Tirreno Power ovvero di immissione dall’accesso Tireno Power, dalla strada vicinale Tana e dall’accesso al parcheggio autocarri Infineum. Considerando altresì che tale strada è pur sempre inserita nel centro abitato e che possono presentarsi veicoli pesanti e lenti nell’attraversamento e nell’immissione sulla strada di scorrimento, si può prudenzialmente stabilire il limite massimo di velocità su 70 km/h. E’ imposto divieto di sorpasso per i veicoli transitanti fra la chilometrica 1,570 e l’intersezione con via Sardegna posta alla chilometrica 1,870 , con obbligo di rientro a sinistra al km 1,720. E’ fatto obbligo ai veicoli transitanti fra il km 1,720 ed il km 1,870 diretti verso la rotatoria di Bossarino di procedere sulla corsia specializzata di sinistra, con divieto di transito sull’isola spartitraffico posta nell’intersezione con via Sardegna a protezione dei veicoli in immissione da tale via verso la strada di scorrimento. E’ fatto obbligo ai veicoli diretti verso la via Sardegna di utilizzare la corsia specializzata per la svolta a destra. E’ fatto obbligo ai veicoli in uscita dalla via Sardegna per l’immissione sulla strada di scorrimento di utilizzare la corsia specializzata di immissione, concedendo precedenza ai veicoli provenienti sulla sinistra dalla strada di scorrimento quando dovranno portarsi a sinistra per l’obbligo espressamente imposto dalla segnaletica orizzontale e verticale. Dalla chilometrica 1,870 alla chilometrica 2,370 è imposto divieto di sorpasso per tutti i veicoli in considerazione della presenza di intersezioni ed accessi laterali. Nell’opposta direttrice di marcia da Vado verso Savona saranno imposti i seguenti provvedimenti segnaletici: l’intera tratta di strada comunale , direzione da Vado verso Savona, posta fra la chilometrica 0,000 corrispondente alla rotatoria di Bossarino e la fine del territorio comunale di Vado Ligure posta al km 1,300 , presenta andamento pressochè rettilineo e pur essendo interessata da un punto di possibile attraversamento situato all’intersezione antistante alla ditta Infineum posta al km. 0,600, considerabile come punto più pericoloso, ivi presenta una distanza di avvistamento fra veicoli conflittuali pari a metri 130 tale da garantire comunque uno spazio di frenata, in qualsiasi condizione atmosferica, in grado di consentire l’arresto dei mezzi. Esistono due confluenze : con la via Battisti al km 0,750 e con la via Italia al km 0,900 per l’uscita verso detta via ed al km 1,00 per l’immissione da suddetta via, ma entrambi con spazi di manovra ben segnalati ed ampi, tali da consentire una velocità massima imponibile di 70 km/h, la massima ammissibile nel centro abitato. E’ pertanto imposto limite di velocità di 70 km/h per tutti i veicoli. Ai sensi dell’art. 148 comma 12 è vietato il sorpasso in prossimità o corrispondenza delle intersezioni, senza che vi sia obbligo di esposizione di specifico cartello. Stante le caratteristiche della strada, con traffico organizzato in due corsie per senso di marcia delimitate a lato destro della strada da linea di margine continua, nonché l’estrema pericolosità costituita da veicolo in sosta o fermata sulla carreggiata, ai sensi dell’art. 158 comma 1 del C.d.S. viene imposto divieto di fermata e sosta su tutta la tratta di strada di scorrimento di proprietà del Comune di Vado ligure, in entrambe le direttrici di marcia. Il divieto comporta la rimozione forzata dei veicoli inadempienti ai sensi dell’art. 159 comma 1 del C.d.S. Trattandosi di divieti imposti direttamente dalle norme di comportamento del Codice, non è necessario evidenziarli con segnaletica verticale. Avverso la presente ordinanza è ammesso ricorso al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ai sensi dell’art. 37 del Codice della Strada entro 60 giorni dalla data di emissione del presente provvedimento, con le modalità previste dall’art. 74 del regolamento di esecuzione del C.d.S. L’ufficio di Polizia Municipale, tramite il servizio segnaletica, e’ incaricato della collocazione della regolare segnaletica. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e far osservare la presente ordinanza. Dalla Residenza Municipale, lì 25/05/2005 IL COMANDANTE DELLA P.M.Commissario Superiore Fulvio Bono
COMUNE DI VADO LIGURE Provincia di Savona CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE  ORDINANZA N. 2  OGGETTO: Disciplina della circolazione stradale nelle comunali via Piave, via Verdi, via Bertola. IL RESPONSABILE DEL SETTORE VI VISTA e RICHIAMATA l’ordinanza per la disciplina della circolazione stradale n. 09 del 12/02/1999, relativa all’apposizione dell’impianto semaforico all’intersezione stradale tra le comunali via Piave, via Verdi e via Bertola; PRESO ATTO della prossima apertura al normale traffico veicolare e pedonale del nuovo ponte di via Bertola sul torrente Segno, che costituisce l’intersezione stradale con via Piave e via Verdi, prevista per il giorno 20/01/2005; CONSIDERATO che l’impianto semaforico che già regolamenta la predetta area di intersezione risulta adeguato alla nuova conformazione del ponte e perfettamente funzionante; VISTA la necessità di riattivare contestualmente all’apertura del ponte l’impianto semaforico e di ripristinare la segnaletica verticale e orizzontale, adattandola alla nuova conformazione dell’area di intersezione, così da regolamentare il traffico sia durante il funzionamento del semaforo che nei momenti di non operatività dello stesso; VERIFICATO che anche con le nuove dimensioni e conformazione del ponte, permane l’esigenza di vietare agli autocarri di rilevanti dimensioni, provenienti dalla direzione di marcia monti - mare di via Piave, la manovra di svolta a destra per immettersi nel ponte, in quanto ciò comporterebbe la necessità per i conducenti di spostarsi preventivamente verso il centro della carreggiata di via Piave, andando ad invadere lo spazio riservato all’opposto senso di marcia; CONSIDERATO che il semaforo prevede un ciclo in cui vi è il transito contemporaneo dei veicoli percorrenti entrambe le direzioni di marcia di via Piave, per cui da quanto indicato al precedente capoverso potrebbe derivare un evidente pericolo per la sicurezza della circolazione, in particolare per gli utenti provenienti dalla direttrice mare - monti di via Piave che transitando correttamente con il via libera del semaforo potrebbero trovare parte della propria carreggiata occupata da un autocarro impegnato nella predetta manovra di svolta; VISTI gli artt. 5, 6 e 7 del D. Leg.vo 30 Aprile n.285, recante il testo del “Nuovo Codice della Strada”; VISTO il Decreto Sindacale n. 31 del 16/06/2004 di attribuzione della Posizione Organizzativa per il Settore VI al Comandante la P.M. BONO Fulvio; CONSIDERATA l’assenza per ferie del Comandante la Polizia Municipale ed il conseguente esercizio delle funzioni vicarie da parte del Vice Comandante CERVENO Domenico, a norma del Regolamento del Corpo di Polizia Municipale; VISTO lo Statuto Comunale; VISTO il Regolamento del Corpo di Polizia Municipale; SENTITO il parere dei competenti Uffici Comunali; ORDINA La realizzazione della seguente segnaletica stradale atta a regolare il traffico secondo le modalità appresso indicate: durante gli orari di funzionamento già individuati secondo le esigenze del caso all’atto dell’installazione del semaforo, il traffico veicolare e pedonale dell’area di intersezione stradale tra le comunali via Piave, via Verdi e via Bertola (ponte sul torrente Segno) è regolato dall’impianto semaforico già presente, secondo i cicli prestabiliti. Per quanto attiene alla corrente veicolare in uscita dal ponte di via Bertola ed alla corsia di via Piave, con direzione monti - mare, specializzata per la svolta a sinistra su via Verdi, nella sede stradale sono presenti appositi sensori (spire) atti a rilevare la presenza di veicoli attestati in attesa di “via libera”, così da eseguire specifica fase semaforica solo quando ciò sia necessario, abbreviando i tempi di attesa. Durante il periodo preordinato in cui il semaforo non regolamenta il traffico, funzionando a lampeggio ed in ogni altro momento in cui l’impianto risulti lampeggiante o spento per guasti od altra causa, gli utenti della strada sono tenuti ad osservare le prescrizioni impartite della segnaletica stradale presente nell’area di intersezione. In particolare per quanto attiene il diritto di precedenza tra le varie correnti di traffico, gli utenti che provenienti da via Bertola e da via Verdi si immettono in via Piave devono concedere la precedenza ai veicoli transitanti su quest’ultima strada a priorità di marcia, come prescritto dagli appositi segnali di “DARE PRECEDENZA” (Figura II 36 Art. 106). In relazione ad altre diverse situazioni di regolamentazione del diritto di precedenza tra veicoli che impegnano l’area di intersezione valgono le regole generali della precedenza a destra stabilite dall’art. 145 comma 2 C.d.S. Per i conducenti degli autocarri di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t., provenienti dalla direzione di marcia monti - mare di via Piave, all’intersezione con via Bertola, permane la direzione obbligatoria diritto sulla stessa via Piave o a sinistra su via Verdi, con divieto quindi di svoltare a destra sul ponte di via Bertola, come prescritto dagli appositi segnali (Figura II 81/c Art. 122). L’ufficio di Polizia Municipale, tramite il Servizio Segnaletica, è incaricato della posa in opera della regolare segnaletica. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservare la presente ordinanza. Dalla Residenza Municipale, lì 18/01/2005. Il Responsabile del SettorePer Il Comandante la Polizia MunicipaleIl Vice Comandante f.f.CERVENO Domenico
COMUNE DI VADO LIGURE (PROVINCIA DI SAVONA) CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 19 OGGETTO: Disciplina della circolazione stradale nel parcheggio compreso fra via S.Ermete, area compresa fra la piazza antistante la Chiesa ed il vicolo adiacente, lato fiume, alla stessa. IL COMANDANTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE CONSIDERATA la necessita’, a tutela della pubblica incolumita’ e del pubblico interesse di disciplinare la circolazione stradale nell’ area compresa fra la piazza antistante la Chiesa ed il vicolo adiacente, lato fiume, alla stessa, recentemente oggetto di lavori di ristrutturazione del fondo stradale attualmente realizzato in porfido, trattandosi altresi’ di zona ad interesse storico e sotto tutela della sovrintendenza alle belle arti; PRESO ATTO pertanto delle nuove caratteristiche della strada realizzata con un fondo che non consente il continuativo traffico veicolare potendone essere danneggiato, oltre che dell’estrema ristrettezza del vicolo anch’esso ristrutturato nel fondo che per sua ristretta dimensione non consente circolazione ad alcun tipo di autoveicolo; RITENUTO opportuno altresi’ consentire la libera fruizione di tale area impreziosita con il nuovo arredo stradale unicamente ai pedoni la cui incolumita’ oltretutto sarebbe minacciata dal transito di veicoli in particolare nel tratto costituente il vicolo storico della zona; RITENUTO necessario per gli scopi di cui sopra regolamentare la viabilità onde rendere palesi ed effettive tali limitazioni VISTI gli artt. 5,6e7 del D.Leg.vo 30 Aprile n.285, recante il testo del “Nuovo Codice della Strada”; VISTA la propria competenza a regolamentare la materia della viabilita’ urbana ai sensi dell’art. 107 del T.U.E.L., ribadita dalle sentenze del T.A.R. Veneto sez. I 19/9/2002 e T.A.R. Campania Sez. I 12/07/2004 N.10085; VISTO l’atto N.7 del 04/02/2005 di nomina del responsabile del settore P.M. e relativa posizione organizzativa; SENTITO il parere dei competenti Uffici Comunali; ORDINA La regolamentazione del traffico nel parcheggio oggetto della presente ordinanza nel seguente modo:nell’area oggetto della presente ordinanza viene istituita una zona pedonale urbana, con divieto di transito per qualsiasi tipo di veicolo. Sara’ fatta eccezione ai veicoli in uso alle forze di Polizia e ai mezzi di soccorso in attivita’ istituzionale e di emergenza. Sara’ altresi’ valutata l’opportunita’ di concedere eventuali deroghe ,subordinate a ben precise prescrizioni, per raggiungere aree private destinate a parcheggio coperto o scoperto, regolarmente individuate.Nei due lati a confine fra l’area pavimentata a porfido, interdetta alla circolazione veicolare, e l’area normalmente pavimentata con asfalto verranno installati dispositivi dissuasori di tipo amovibile, destinati a garantire una efficace interdizione all’invasione della zona pedonale da parte di veicoli. L’installazione della segnaletica tutta indicata sara’ a cura dell’azienda appaltatrice per la realizzazione del nuovo fondo stradale. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservare la presente ordinanza. Dalla Residenza Municipale, lì 07/04/2005 Il Comandante della Polizia MunicipaleCommissario Superiore Bono Fulvio
COMUNE DI VADO LIGURE (PROVINCIA DI SAVONA) CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 11 OGGETTO: Disciplina della circolazione stradale nella Via Italia IL DIRIGENTE DEL SETTORE CONSIDERATO che il tratto di Via Italia compreso tra i civici 58 e 62 risulta essere interessato da diversi insediamenti condominiali e quindi densamente abitato e frequentato, con il conseguente incremento del traffico locale; CONSIDERATA pertanto la necessità, a tutela della pubblica incolumità e del pubblico interesse di disciplinare la circolazione stradale nel tratto di Via Italia compreso tra i civici 58 e 62; VISTI gli artt. 5, 6 e 7 del D. Leg.vo 30 Aprile n.285, recante il testo del “Nuovo Codice della Strada”; VISTO il Decreto Sindacale n. 31 del 16/06/2004 di attribuzione della Posizione Organizzativa; VISTO lo Statuto Comunale; SENTITO il parere dei competenti Uffici Comunali; ORDINA L’istituzione del divieto di sosta e fermata lungo il lato monte di Via Italia compreso tra il civico 58 e il civico 62 e del senso unico di marcia, nello stesso tratto di strada, con direzione consentita da levante a ponente. L’ufficio di Polizia Municipale, tramite il servizio segnaletica, è incaricato del posizionamento della regolare segnaletica. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservare la presente ordinanza. Dalla Residenza Municipale, lì 02/03/05 Il Dirigente del SettoreIl Comandante la Polizia MunicipaleCommissario Superiore BONO Fulvio